Filtri, perchè è importante sostituirli quando previsto

 

- Perchè perdono la carica elettrostatica quindi non attirano/trattengono i batteri

- Si esaurisce la parte di carbone

- Puzzano (l'esaurimento del carbone non consente di trattenere gli odori derivanti dalla decomposizione dei batteri morti)

- Se sono molto sporchi proliferano i batteri e diventano pericolosi per la salute

- Se vengono coperti da polvere l'antibatterico è inefficace

CURA IL TUO BENESSERE

Vi siete mai chiesti come mai le principali aziende produttrici di climatizzatori prevedono nelle loro unità l’inserimento dei filtri elettrostatici? Semplice. Pensate al solo fatto che per rinfrescare o riscaldare una stanza con un climatizzatore dobbiamo tenere porte e finestre chiuse. Anche se le nostre case sono pulite ciò non significa che non siano presenti agenti inquinanti e agenti allergeni di varia natura e in quantità diverse fino a 250 specie di muffe (aspergillo, cladosporium) ai microbi e agli attinomiceti (batteri somiglianti a dei funghi microscopici). La qualità dell’aria negli edifici si è notevolmente degradata . La politica di risparmio energetico e d’isolamento termico degli edifici adottata ha dimezzato, in venti anni, il tasso di ventilazione degli ambienti. I flussi d’aria del nostro clima mantengono in circolo queste sostanze aumentando in maniera esponenziale le possibilità che esse vengano respirate da chi soggiorna negli ambienti. E’ per questo motivo che vengono inseriti i filtri, che servono appunto a catturare le impurità presenti nei locali climatizzati ad ogni passaggio d’aria attraverso il climatizzatore. Ed è sempre per questo motivo che si impone l’obbligo di una corretta pulizia periodica del nostro clima effettuando una pulizia delle unità interne e soprattutto un cambio dei filtri elettrostatici usati.

La qualità dell’aria che respiriamo giova alla nostra salute!